CNR-IRSA activities related to INHABIT

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

MIRAGE

Il Progetto MIRAGE (Mediterranean Intermittent River ManAGEment) si prefigge di incrementare le conoscenze per una migliore valutazione dell'integrità ecologica nei corsi d’acqua temporanei nel bacino del mediterraneo. Il progetto si è svolto tra il 2009 e il 2011 ed è stato supportato dal VII Programma Quadro della Commissione Europea (grant agreement 211732).
Il Progetto MIRAGE si è occupato dello sviluppo di strumenti e metodi specifici per l’adeguata caratterizzazione di corsi d’acqua temporanei in Europa e nel bacino del Mediterraneo. Le difficoltà dell’attuazione della Direttiva Quadro e dei relativi Piani di Gestione dei Bacini Idrografici (RBMP) e Programmi di Misure (POM) per i fiumi temporanei indica la necessità della definizione di approcci dedicati, così come una strutturata e meglio integrata comprensione dell’impatto delle misure di gestione, nel contesto sia di inondazioni estreme sia di periodi di siccità stagionali. Il Progetto MIRAGE ha interessato 9 paesi Europei / Mediterranei: Grecia, Italia, Marocco, Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Belgio e Regno Unito.
Il progetto MIRAGE ha proposto un quadro di riferimento per la caratterizzazione delle dinamiche eco-idrologiche e per l’analisi degli impatti nei fiumi temporanei. L’attività del progetto ha potuto recare un notevole contributo alle azioni di revisione delle politiche inerenti le risorse idriche a livello comunitario. Il progetto individua come prioritari alcuni elementi che dovrebbero integrare i contenuti della Direttiva Quadro, tra cui una esplicita definizione dei fiumi temporanei, l'adeguamento degli obiettivi ambientali alle loro caratteristiche peculiari e la creazione di azioni specifiche all’interno dei Piani di Gestione.
Ulteriori dettagli sul progetto sono disponibili sul portale EMWIS.
Le attività svolte da CNR-IRSA per la caratterizzazione delle biocenosi a macroinvertebrati si sono concentrate in Puglia e Molise. In Puglia sono stati individuati tratti fluviali nel bacino del Candelaro, oggetto di caratterizzazione idrologica. In parallelo sono stati studiati 3 corpi idrici localizzati in Molise, con la specifica finalità di disporre di dati da tratti fluviali in condizioni di riferimento in situazioni idrologiche analoghe a quelle rinvenibili nel bacino del Candelaro. L’attività ha previsto l’affiancamento della raccolta del campione biologico, secondo una tecnica multihabitat proporzionale in concomitanza ad una raccolta habitat specifica e alla caratterizzazione di habitat in accordo al metodo CARAVAGGIO. Gli elementi raccolti hanno consentito una caratterizzazione delle biocenosi dei fiumi temporanei e il confronto di tratti fluviali a differente carattere di temporaneità. Alcuni risultati del progetto MIRAGE cui il CNR-IRSA ha attivamente contribuito sono inclusi in pubblicazioni scientifiche quali:

  • De Girolamo AM et al., 2011. Hydrologic regime characterization for a semi-arid watershed. Die Bodenkultur 62: 39-42.
  • Kirkby MJ et al., 2011. Classifying low flow hydrological regimes at a regional scale. Hydrol. Earth Syst. Sci 15: 3741-3750.
  • De Girolamo AM et al., 2012. Impact of anthropogenic activities on a temporary river. Fresenius Environ Bull 21: 3278-3286
  • Gallart F et al., 2012. A novel approach to analysing the regimes of temporary streams in relation to their controls on the composition and structure of aquatic biota. Hydrol. Earth Syst. Sci. 16: 3165-3182.
  • García-Roger EM et al., 2013. Spatial scale effects on taxonomic and biological trait diversity of aquatic macroinvertebrates in Mediterranean streams. Fundam. Appl. Limnol. 183(2): 89-105.
  • Nikolaidis NP et al., 2013. Towards sustainable management of Mediterranean river basins: policy recommendations on management aspects of temporary streams. Water Policy 15(5): 830-849
  • Zoppini A et al., 2014. Organic priority substances and microbial processes in river sediments subject to contrasting hydrological conditions. Science of the Total Environment 484: 74-83.


Alcune immagini scattate nel corso del progetto