CNR-IRSA activities related to INHABIT

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Intercalibrazione

Il processo di intercalibrazione viene menzionato nella Direttiva Quadro nell’allegato V ed ha avuto come obiettivo principale quello di armonizzare l’interpretazione del ‘buono stato ecologico’ in tutti gli stati membri e di garantire che tale interpretazione fosse coerente con le definizioni della Direttiva stessa. L’esercizio di intercalibrazione ha costituito un’attività lunga e complessa: la sua prima fase ha visto impegnati gli stati membri approssimativamente dal 2003 al 2008 ed ha riguardato l’intercalibrazione solo di alcuni Elementi Biologici, per i quali potevano essere disponibili dati idonei, in alcune categorie di corpo idrico. Basato sulle indicazioni della Common Implementation Strategy (CIS) - un programma comune di azione per l’implementazione della Direttiva Quadro, istituito a livello comunitario - le prime attività dell’esercizio di intercalibrazione hanno riguardato la redazione di un registro di siti su cui svolgere l’esercizio, rappresentativi per la maggior parte di uno stato ecologico al limite tra lo stato ecologico “elevato” / “buono” e “buono” / “moderato”, oltre all’istituzione dei Gruppi Geografici di Intercalibrazione (GIGs) nei quali l’esercizio si potesse svolgere sulla base delle peculiarità geografiche dei diversi contesti europei.
In questa prima fase, per quanto riguarda i fiumi e i macroinvertebrati bentonici, con il supporto tecnico diretto di alcuni progetti europei quali AQEM e STAR si è pervenuti allo sviluppo del concetto di Metriche Comuni di Intercalibrazione, metriche cioè che possano essere calcolate e risultare utilmente applicabili su vaste aree geografiche i.e. a scala europea. Tali metriche, infine combinate in semplici indici multimetrici, possono essere impiegate per confrontare le classificazioni prodotte dai vari metodi nazionali e consentire quindi di valutare eventuali discrepanze nell’interpretazione del concetto di “stato ecologico buono”.
Nel 2008 la Commissione ha pubblicato i risultati dell’esercizio di intercalibrazione in una Decisione pubblicata nel Giornale Ufficiale della UE.